Galfrè Antipasti d'Italia

Galfrè Antipasti d'Italia è un'azienda che nasce nel 1901 in Piemonte, a Barge, ai piedi delle colline del Cuneese, terra ricca di boschi e funghi, dove si è sviluppata la cultura di come trattare e conservare i porcini con metodi naturali.

Il fondatore, Lorenzo Galfrè, è un commerciante di funghi che decide, insieme alla moglie, di conservare questa importante risorsa in "burnie" (in dialetto piemontese, ossia vasi in vetro) sott'olio di oliva ed averla così a disposizione tutto l'anno. Viene quindi installato, in una vecchia costruzione del centro storico di Barge, il laboratorio (sottostante l'abitazione di famiglia) e si comincia la lavorazione dei funghi.

I primi clienti sono i negozi dell'élite torinese ed i ristoranti che solitamente ospitavano la nobiltà del tempo. La fama del prodotto si espande e l'azienda diventa fornitrice della Real Casa nella residenza di Racconigi, mentre i "bulè" (funghi porcini) cominciano ad andare oltre i confini piemontesi, a Genova per le prime forniture alle compagnie navali.

A questo punto l'azienda familiare prende coraggio e, rafforzata dall'attività e dalla collaborazione di tutti i sei figli, prende spunto dalla tradizione culinaria piemontese creando un libro di ricette che è diventato, col tempo, il "testo sacro" dell'Azienda; all'interno, sono infatti racchiusi i segreti e le ricette originali per la preparazione degli antipasti: abbinamenti di tonno, porcini e verdure in salsa tipica preparata seguendo la ricetta segreta della casa, con aceto stagionato in botti di rovere e aromi freschi.

Così, oggi, i Fratelli Galfrè, già ormai nipoti del fondatore, si posizionano nell'attuale sede dove tuttora prosegue l'attività della Galfrè Antipasti d'Italia.